Parliamo di un gruppo di amici di vecchia data che frequentano la montagna sin da piccoli. Nel settembre 2015 decidono di creare una pagina Instagram in cui condividere foto e video delle loro avventure tra i paesaggi sudtirolesi. Giorno dopo giorno, il loro lavoro viene apprezzato sempre di più, tanto che, ad oggi, la pagina è seguita da più di trentamila utenti.

La particolarità del progetto sta nel coinvolgimento del pubblico. Infatti oggi quasi tutte le foto pubblicate sono di persone che, letteralmente, scoprono l’Alto Adige.

«A noi piace far capire alla gente che Life in Southtyrol non è la nostra pagina, ma la pagina di tutti. Siamo tutti d’accordo sul fatto di voler creare una comunità. C’è sempre più gente innamorata di questo stupendo luogo. Ogni giorno riceviamo decine di nuovi contenuti da parte dei nostri followers. Ci siamo resi conto che è più piacevole condividere non solo le nostre esperienze, ma anche quelle altrui. Quando abbiamo aperto le braccia a tutti, ci siamo accorti che la pagina ha avuto un vero e proprio boom, raggiungendo quasi un milione di likes per contenuti».

Detto francamente, il potere nelle loro mani è notevole, ma i ragazzi tengono i piedi ben incastrati nella neve: «vogliamo sfruttare questa occasione nel modo più giusto, rispettando naturalmente quelli che sono i nostri valori e le nostre passioni, cercando di stare il più possibile all’aria aperta e di divertirci. In Alto Adige siamo davvero molto fortunati ad avere questa possibilità» affermano con entusiasmo i pionieri dell’hashtag #lifeinsouthtyrol che oggi conta oltre 36mila utilizzazioni.

Il bello di tutto ciò sta nel fatto che comunque, nonostante il grande successo, i giovani pensino a questo progetto come ad un hobby e non come ad un lavoro: «non ci piace definirlo lavoro, perché per noi non è uno sforzo: semplicemente, ci appassiona. La nostra filosofia non è quella di arricchirci con i soldi, ma è quella di arricchirci con vere e proprie esperienze».

Sul tema “futuro” rispondono che attualmente hanno grandi impegni, come l’università che vogliono portare a termine. «Abbiamo meno tempo da investire, però è ovvio che a noi piacerebbe crescere di più e magari svilupparci attraverso un sito web, per riuscire a raggiungere ancora più persone. Da poco abbiamo lanciato una nuova pagina Instagram: “Madeinsouthtyrol” in cui cerchiamo di focalizzarci di più sulla cucina e sulla cultura locale, volendo distinguere cultura, feste e ricette da panorami, avventure ed esperienze nella natura. Gli input, comunque, provengono sempre dal pubblico

Sono aperti a collaborazioni e a suggerimenti da parte di tutti. Li può contattare chiunque, via mail (indicata nella pagina) o via Direct Message.

«Siamo una grande vetrina, trasmettiamo messaggi puliti e senza filtri

Di pagine simili ce ne sono parecchie, quello che li distingue dalla massa è proprio la voglia di mettersi in gioco e di sperimentare. Ogni weekend sono alla scoperta di luoghi e paesaggi nuovi, cercando ovviamente di non incentivare attività pericolose. Il motore della macchina? La passione.