Valer Vezzù

dell’elettronica Vezzù, racconta la storia dell’attività di famiglia iniziata nel 1964.
“Questo negozio appartiene alla mia famiglia dal 1964. Io ho iniziato a lavorare qui trent’anni fa e posso dire che questo, a Bolzano, è senza dubbio il quartiere che è cambiato di più. Quando mio padre ha aperto questo negozio intorno non c’era quasi niente se non le casette delle Semirurali. Non è cambiato solo il quartiere, ma anche la città e soprattutto con l’arrivo dei nuovi centri commerciali o dei grandi negozi di elettronica il lavoro è cambiato. Questo è un negozio di vicinato, quindi a volte si lavora molto più sulla clientela che sul prodotto in sé. Essendo in questa zona possiamo permetterci di seguire maggiormente il cliente, di creare un rapporto anche successivo alla vendita, che sia anche più intimo e faccia a faccia. Bisogna dire anche che Don Bosco, essendo un quartiere periferico, verrà sempre un po’ penalizzato perché le grandi cose succedono, bene o male, sempre in centro. Ho sentito molti parlare dell’importanza dei negozi di vicinato, ma in pochi sono interessati veramente a sostenerli. Noi, assieme ad altri negozi presenti in questo quartiere da tanto tempo, siamo diventati un punto di riferimento e ho un sacco di clienti che entrano in negozio anche solo per farsi quattro chiacchere o che mi chiedono “che cosa potrei comprare oggi?”. L’importanza dei negozi di vicinato non è da sottovalutare.”